Chi l’ha detto che al ritorno il viaggio dura meno?!

Beh chiunque sia, senza dubbio non ha mai volato con China Eastern. Sapevo che il volo sarebbe stato una tortura, ma non mi aspettavo così tanto… forse perché all’andata almeno cinque ore ero riuscita a dormire, mentre ora non ho chiuso occhio per tutte le 12 ore non stop da Shanghai a Roma. E con una vecchietta cinese sul sedile dietro il mio, che rompeva le cosiddette per tutto il tempo… non è stato esattamente piacevole. Per non parlare della “selezione” di film, vecchie commedie drammatiche cinesi sottotitolate in inglese.

Ma andiamo oltre.

Partenza alle 01:55 da KLIA direzione PVG, e tutte le mie preghiere andavano ai bagagli che avevo una paura morta di perdere, non tanto il mio personale, quanto il bagaglio dei regali e souvenir (ebbene sì, ho riportato una valigia intera di 11,7 kg solo di acquisti in terra malese). Fortunatamente li ho recuperati entrambi, ma solo dopo venti minuti di attesa opprimente.

Vecchietta cinese e discutibilissima qualità della compagnia aerea a parte, il viaggio è andato liscio come l’olio: nessun ritardo, nessuna rottura burocratica, nessun chilo in eccesso del bagaglio. Solo una mostruosa, disarmante stanchezza per le 26 ore trascorse dalla partenza effettiva all’arrivo dentro casa, e le orecchie che ancora fischiano dopo 16 ore dall’atterraggio.

E ripeterei tutte, e dico tutte le migliaia di chilometri in quello spazietto angusto del sedile in aereo anche solo per ritrovare l’accoglienza di un metro e mezzo di pizza all’arrivo a casa! Italia mia quanto mi sei mancata!

Questa esperienza mi ha lasciato tanto, e dico tanto veramente. A partire dal lunghissimo, interminabile viaggio, ad essere per la prima volta immigrata e non ospitante, a confrontarmi con una cultura così diversa per lingua, credenze religiose, abitudini, a vivere in una grande città, costruirsi un proprio ritmo ed equilibrio a quasi diecimila chilometri da dove avevo il mio equilibrio precedente. E naturalmente, affrontare il lavoro, la vita d’ufficio, trattare con i clienti, studiare tutto nei minimi particolari per guidare tour, vedere posti nuovi, soffrire pensando ai paradisi naturali che mi circondavano mentre ero ferma in ufficio… sono esperienze che lasciano il segno.

Una volta su un articolo ho letto: “se siete in dubbio se restare o partire… PARTITE.”

Non potrei essere più d’accordo.

Esperienze del genere non è che ti aprono la mente, ti spaccano in due il cranio e lo ricostruiscono daccapo, ti trasformano, non ragioni più con la stessa testa di prima. Ho trascorso fuori soltanto tre mesi, e se è stata un’esperienza così formativa in così poco tempo, non posso immaginare come potrebbe essere restare di più, per sei mesi, un anno, o cinque anni come per alcuni dei miei colleghi.

Ma una certezza rimane: se siete in dubbio se restare o partire, partite. Ora, con tutta la stanchezza del rientro e la mente ancora annebbiata dalle orecchie che fischiano, è l’unico, importante consiglio che mi sento di darvi. E che riassume tutto in poche parole.

La vostra viaggiatrice vi manda un saluto questa volta dalla terra italiana. Presto tutti gli articoli di questa estate, e le impressioni pre e post partenza. Ora, ho solo una gran voglia di dormire!

Arrivederci alla prossima avventura!

Viaggiatrice low cost

Annunci

Pubblicato il 1 settembre 2012 su Diario di bordo, Oltre il viaggio. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 8 commenti.

  1. Viaggi viaggi viaggi, che passione … purtroppo non viaggio quanto vorrei, ma come surrogato mi faccio mandare le foto di tutti gli amici che se ne vanno in giro … quest’anno sono stato “virtualmente” in Devonshire, Inghilterra, e lungo il Mississippi negli Stati Uniti, grazie ai viaggi di un paio di colleghi di lavoro …
    Adesso un po’ viaggerò anche con te !!! 🙂

    ps: la valigia per i regali e i souvenir è MERAVIGLIOSA, tutte le volte che vado a Londra io mi tiro dietro uno zaino pro-shopping e regali vari …

  2. Il mio primo viaggio in Thailandia lo feci con China Air. Velivolo nuovo con schermi su ogni sedile, ottima selezione di film e videogiochi, servizio impeccabile.
    Unico inconveniente… la durata del viagggio:
    23 ore facendo Milano-Roma, Roma-Abu Dhabi, Abu Dhabi-Taipei, Taipei-Bangkok. Con scali da un’ora alle tre di Taipei in uno degli aeroporti più tristi che io ricordi!

  3. Anche se sei una bidonara di prima classe, è sempre un piacere leggere i tuoi post.
    a presto
    WF

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: