Edimburgo, il trauma del rientro

Ho avuto l’onore di trascorrere gli ultimi tre mesi della mia vita in questa meravigliosa città, in un tirocinio universitario. Ho vissuto ad Edimburgo per tre brevi, intensissimi mesi, un periodo caratterizzato dal più puro, autentico sentimento  verso la città più bella che abbia mai visto. Lo dico senza esitazioni: avete presente quella sensazione di incanto nell’ammirare una nuova città, una nuova meta, all’inizio di ogni viaggio? Ecco, quella precisa sensazione, che in genere se ne va dopo i primi giorni… non solo non se n’è mai andata: in tre mesi, non è nemmeno diminuita d’intensità. Un batticuore continuo, in ogni momento trascorso tra le pietre vulcaniche del centro storico.

Edimburgo è magia, bellezza, atmosfera, estetica, pietra, misticismo, leggende. Edimburgo è il trauma da rientro più forte che abbia mai avuto.

Talmente forte che in tre mesi non sono ancora riuscita a scrivere un articolo, nemmeno ora che sono tornata nella madre patria Italia. Forse prima o poi ci riuscirò, quando la tremenda nostalgia lascerà il posto alla voglia di scrivere. Per ora non ce la faccio. E’ come una storia d’amore troncata ancor prima di nascere.EDIMBURGO

Annunci

Pubblicato il 11 dicembre 2015, in Diario di bordo, Long tours, Oltre il viaggio, Uncategorized con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. Concordo in tutto,e’ una bellezza di citta’ ! bye!:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: